BOTTE E RISPOSTE

Personaggi

Ci sono giorni che regalano inaspettate sorprese, oggi girovagando per la rete abbiamo trovato un post aggressivo di Salvini che attaccava Matteo Renzi.
Nel suo post scrive:” Renzi vuole censurare Facebook.
Roba da matti, la vera BUFALA è lui! ”.

Il post ha raccolto, fino ad ora, 5800 tra like e cuoricini, notiamo però circa 1000 risatine e faccine arrabbiate che lasciano ad intendere che i followers del felpetta nazionale non siano soltanto suoi sostenitori ma che tra le schiere si nasconda un consistente numero di franchi tiratori.

Alla provocazione ha risposto direttamente Matteo Renzi, con il seguente post:” Mai detto nulla di tutto questo, caro Salvini.
Ho solo chiesto di non rilanciare notizie false come stai facendo tu adesso.
Se poi ti avanza tempo, puoi spiegare ai tuoi amici e fans che rapporti ci sono tra il tuo team digitale e quello dei Cinque Stelle, ma fallo solo per loro: noi vi abbiamo già sgamato, non abbiamo bisogno di saperlo.
Ragazzi, evitare bufale in rete è fondamentale non solo per la campagna elettorale.
Ma anche e soprattutto per la salute: pensate alla propaganda sui vaccini o sull’anoressia.
Caro Salvini, sei padre come lo sono io: ripuliamo la rete dalle bufale, senza alcuna censura ma solo rispettando la realtà.
Facciamolo per i nostri figli.
Poi ci confronteremo in campagna elettorale e litigheremo come sempre, ma prima prendiamoci l’impegno di non rilanciare notizie spazzatura.
Nessuna censura, solo educazione e rispetto. Buona giornata a tutti, anche a Salvini.”

La risposta di Renzi ha accumulato fino ad ora circa 2900 like, ma in meno di 3 ore, mentre il post di Salvini giace penosamente sulla sua bacheca da oltre mezza giornata.


I commenti a sostegno del leader democratico, in calce al suo post, hanno a loro volta raccolto altre migliaia di like.
A quanto pare con un semplice post, Matteo Renzi ha nichilizzato la campagna di comunicazione salviniana, prendendolo in contropiede nella sua stessa metà campo e segnando un clamoroso goooooal.
Noi ingrati non amiamo Renzi, così come non amiamo nessun politico in generale, però questa volta abbiamo goduto forte.
Vedere questo virtuale incontro di boxe, ci ha messo di buon umore e ci ha ricordato i bei tempi, quando Mike Tyson con un sonoro diretto metteva a tappeto i suoi avversari.
https://youtu.be/0nfSU-cBo0k

Christian Longatti
Andrea Gunetti