TOURIST TROPHY, 60 KM E 255 EROI

Dal 1907 si organizza un trofeo, sull’isola di Man, un trofeo che non forgia campioni ma eroi, un trofeo pericolosissimo, che solo i piloti più coraggiosi hanno l’ardire di tentare.
Stiamo parlando del Tourist Trophy, l’ultima grande corsa su circuito cittadino, allora come oggi si correva tra case, steccati, marciapiedi, lampioni, in precarie condizioni di sicurezza e col meteo spesso nemico.
Oggi l’anello stradale misura 37,73 miglia, ossia 60 chilometri e 720 metri e viene ripetuto per sei volte nelle classi principali e per tre o quattro in quelle minori.
Una sessantina di curve sulle oltre 200 totali sono dedicate ai piloti che vi hanno compiuto le maggiori imprese o che vi hanno perso la vita in incidenti di gara, questi sono gli eroi della Isle of Man TT Race.

SOLARIS DI TARKOVSKIJ, FANTASCIENTIFICO DISSIDENTE

Solaris è molto più di un film. E’ una perfetta sintesi dell’animo umano di fronte a ciò che crede di poter mettere in una scatola e inserire nella buia e umida soffitta dei ricordi, nella vana speranza che questi vi rimangano dentro e che non escano mai più.

LO SLOGANISMO SALVINIANO ACCOGLIE ED ALIMENTA LA TRASVERSALITA’ DELL’IGNORANZA

Noi Ingrati ci assumiamo il doveroso compito dell’analisi delle azioni salviniane e l’idea di chiudere i porti ci sembra un palliativo del tutto inutile.
Poiché per risolvere il problema dell’immigrazione incontrollata servirebbe un piano ben definito e condiviso con i partner europei.