VENEZIA, INDIPENDENTISTI IN PIAZZA

Avevo vent’anni, era il 1991, quando Gianfranco Funari, noto showman, negli studi Mediaset mi fece conoscere un politico che, mi disse, “farà parlare molto di sé”.
Mi accompagnò nei camerini degli studi di Cologno Monzese e me lo presentò. Era Umberto Bossi.
Camicia scozzese a scacchi e un paio di Ray-ban come occhiali da vista.
Sono passati 27 anni da quell’incontro e Bossi ha fatto la storia.