MALVEZZI: “Non si può uccidere la storia dell’umanità”

cultura, Le Interviste, Max Rigano NEWS, Notizie

“Non si può uccidere la storia dell’umanità”. Valerio Malvezzi, in quest’incontro di cui lo ringrazio, ancora una volta tocca i temi profondi dell’umanità. Un’umanità che proprio lui, economista, dice avere bisogno di poeti come lo è stato Giuseppe D’ambrosio Angelillo. Un mondo che non può negare alla Grecia di essere stata il faro della civiltà filosofica insieme all’Italia, patria del diritto romano. E proprio contro chi vorrebbe il nostro Paese retrocesso verso le retrovie della democrazia, si scaglia l’invettiva di Malvezzi. L’ ermeneutica contemporanea che vorrebbe tradurre la glossa moderna in un peana a favore dei mercati che distruggono la piu autentica delle verità, ovvero che la felicità non è data dalla “Techne”, verso cui abbiamo rarefatto la nostra inclinazione personale, dunque non dai beni materiali; semmai dall’enorme ricchezza del pensiero umano che ha indivuduato categorie per ricercare quel senso della vita , che diventa spirito di coscienza. “Alcuni mi scrivono che la filosofia non c’entra nulla con i mercati e con gli spread. Replico a queste persone: ogni cosa che voi toccate ha a che fare con l’energia e con il pensiero. Senza questi due ultimi due elementi non ci sarebbe pensiero. Non ci sarebbe realtà”