IL TRISTE MONDO DEGLI INCEL: INVOLONTARIAMENTE CELIBI

in evidenza, Notizie

L’argomento di oggi è alquanto complesso è merita un approfondimento. Gli incel (involuntary celibate) sono coloro che non riescono a relazionarsi sentimentalmente (con persone dello stesso sesso o di sesso opposto). Per la cronaca è più corretto dire che tale definizione è collegata di più agli uomini che non riescono ad approcciare con le donne.

Il mondo di chi si sente inappropriato

Molte di queste persone piombano in uno stato di sconforto e depressione (basti pensare che ci sono persone che a 30 anni sono ancora vergine) ed è inutile dire che nel mondo odierno, dove l’aspetto conta tantissimo, gli incel (che si sentono brutti) sfogano la propria rabbia su internet attraverso i vari forum o su Facebook. Nel mondo odierno, queste persone si sono riunite (grazie a internet) al fine di poter comprendere meglio tutto il fenomeno, magari sperando di sostenersi a vicenda, e perché no, qualcuno spera anche di risolvere il problema, ciononostante va detto che ancora nel 2019 c’è uno stato di immobilismo che incatena tutte le persone sfortunate nell’abisso della disperazione (senza concepire i giusti meccanismi per migliorare lo stato delle cose).

Uomini che odiano le donne

Va fatto presente che la situazione non si ferma solamente a quanto annunciato precedentemente. Purtroppo ci sono alcuni uomini, che col tempo iniziano a comunicare (anche agli altri incel) pensieri violenti nei confronti delle donne e delle ragazze (ritenute da questi, le dirette responsabili della loro persistente verginità). Eviteremo di entrare nel dettaglio di ciò che dicono, ciononostante basta pochissima fantasia per immaginare cosa affermano queste persone.

Perdere la testa e compiere stragi

Elliot Rodger, lo stragista californiano (fonte immagine: Ebony.com)

Purtroppo ci sono stati alcuni casi di uomini che hanno messo in atto dei piani diabolici. Qui è bene citare 2 avvenimenti: il primo è quello di Elliot Rodger, un ragazzo 22enne californiano che aveva comunicato più e più volte (sul suo canale YouTube) di essere vergine incolpando le donne della sua condizione di incel. Il ragazzo aveva manifestato diverse volte di vivere in uno stato di profonda depressione a causa del fatto che non aveva baciato nessuna ragazza, inoltre non capiva il motivo secondo cui il gentil sesso preferiva buttarsi tra le braccia di determinate persone (definite da lui uomini odiosi) piuttosto che relazionarsi col californiano.  Il 23 maggio del 2014 Elliot Rodger pubblica un video dove annuncia che si prenderà la sua rivincita contro il genere umano. Ciò che aveva annunciato si verificherà in un modo molto crudo e violento: il californiano uccide i suoi 3 coinquilini con un coltello, successivamente prende la macchina e comincia a girare per le strade sparando alla gente (ucciderà altre 2 persone); poi a velocità sostenuta investe moltissime persone (uccidendo una persona e ferendone 14); la sua mattanza finisce col suo suicidio (sparandosi alla testa).

Nella mente dello stragista Alek Minassian

Alek Minassian (fonte immagine: Heavy.com)

Un altro caso che salì alla cronaca è stato quello della strage compiuta da Alek Minassian, un canadese di 25 anni che uccise 10 persone investendole con un furgone. Il ragazzo aveva scritto sul proprio profilo social che quel giorno sarebbe avvenuta la vendetta degli incel (invitando chi si trovava nella sua stessa situazione a fare altrettanto). A strage compiuta il ragazzo è stato catturato e interrogato. Ciò che si sa sul conto di Minassian è la storia di un ragazzo emarginato e schivo nei confronti della società. I suoi compagni di classe lo hanno descritto come un ragazzo molto strano, solitario e ambiguo. Successive analisi completeranno il quadro dell’identikit dello stragista poiché si verrà a sapere che Minassian soffre anche di problemi psichici.

Ultimatum alla società: interessarsi veramente al fenomeno

Da quello che abbiamo appreso, possiamo constatare che il fenomeno degli incel è un problema reale che merita di essere trattato nel miglior modo possibile. Appare chiaro che è necessario che la società si interessi alle persone che si sentono escluse; dopotutto, non possiamo permetterci che ci siano persone che soffrono per il fatto di non sentirsi parte della società (perché escluse da essa). A conti fatti, va detto che, se non si intervenisse, ci potrebbe essere un rischio molto concreto che diverse persone (in questo caso gli incel con problemi psichici) possano dar libero sfogo alle loro turbe compiendo azioni violente.

Comunque sia, nel video che seguirà, sarà possibile farsi un’idea più approfondita del fenomeno degli incel, buona visione.

Cosa ne pensi di questo argomento? Diccelo con un commento e condividi questo articolo con i tuoi amici. Per sostenerci lascia un like alle pagine Facebook “L’ Ingrato” e “L’ Ingrato sul territorio”.

Si ringrazia ” Vice News” per l’immagine in evidenza.

Marco Galletti.