L’AFFAIRE DI MATTEO, TROPPE PAROLE E POCHI FATTI

Tasselli di un puzzle che ci lasciano intravedere delle chiare acredini umane e politiche e che avrebbero potuto essere risolte rapidamente con 20 giorni di processo disciplinare ma con ogni probabilità non se ne farà nulla.
Salvini, ha colto l’occasione e considerato la continua perdita di preferenze che sta patendo desidera dare una spallata al governo sfruttando questa breccia, perdendo l’ennesima occasione per non dire stronzate.

Leggi il seguito

CUM GRANO SALIS, ATUM, ARE, CONGIUNTI … GIUSEPPE, MA COME PARLI? 

è buffo pensare come gli stessi soggetti che criticano un linguaggio colto abbiano una connessione, un cellulare, risultano iscritti almeno ad un social network, usano almeno una volta al giorno un termine inglese senza nemmeno accorgersene, dimenticandosi, però, di coniugare correttamente un verbo in italiano e di adoperare una sintassi corretta. 

Leggi il seguito

LA VICESINDACA PUNTA I PIEDINI FASCISTI

Adesso l’affaire AdDuce che stanno cercando di insabbiare in tutti i modi ci deve far capire che malgrado Tragaioli sia uomo di esperienza politica ed amministrativa, accettando questo demoniaco patto con i staliniani ha perso de facto tutta la sua autonomia decisionale e agli occhi di tutti non è altro che un fantoccio nelle mani di una bimba viziata e dei suoi amici potenti.

Leggi il seguito

IL RICATTO DELLA FASCIO-SALVINIANA

Laura Adduce sentendosi appesa ad un filo sempre più esile e vedendo i suoi sogni di gloria in procinto di sciogliersi come neve al sole è andata di matto ed una nostra fonte ci riporta che avrebbe ricattato la giunta, pronta a farla fuori per motivi di decenza, sostenendo che avrebbe fatto cadere tutto il castello di carte obbligando il comune a tornare alle elezioni.

Leggi il seguito

SALVINI DEBUNKED

Oggi smascheriamo il cazzaro verde che ieri da Massimo Giletti ha fatto del suo peggio e si merita una lezione ingrata.

Iniziamo dalle cose facili: innanzitutto l’uso del “tu” come se fosse un amicone del conduttore (come ha anche detto Scanzi) , il che conferisce all’intervista un tono surreale ed evidenzia la mancanza di rispetto di salvini verso tutto e tutti, Giletti compreso.
Approfondiamo punto per punto indicando pedissequamente i minuti ed i secondi sulla timeline del video al fine di permettervi una verifica puntuale di questo articolo.

Leggi il seguito

ERGASTOLO A SALVINI E MELONI TRADITORI DELLA PATRIA

Ebbene, quando in guerra si denigra la patria, quando si fa’ disfattismo, quando si rema contro, quando si fa’ muro, è il momento per la patria di rispondere a tono.
E quando è chiaro che questi comportamenti derivino da rapporti occulti con stati stranieri (Metropol Affaire) allora la pena deve essere esemplare.

Leggi il seguito

LA SAMBA DELLO SCOGLIONAMENTO

Potete state a meno di un metro, se avete la mascherina.
Potete uscire e fare Jogging ma non nel senso di fare Jogging, cioè correre, ma nel senso di fare Jogging camminando con vostro figlio piccolo. Ma non oltre i duecento metri da casa e comunque per poco tempo.
Potete accedere al sito dell’Inps e chiedere i 600 Euro, se siete autonomi e liberi professionisti, e però mettetevi in fila perché ci sono 100 persone al secondo che fanno la stessa cosa. Per cui il sito non vi fa accedere. C’è di positivo però che nel frattempo potete riuscire a entrare nel profilo di qualcun altro avendo contezza dell’intera filiera dei suoi dati personali in spregio alla legge sulla riservatezza dei dati.

Leggi il seguito

LA SINDROME DI STENCOLMA. Fenomenologia del DIO SOCIAL SALVINI. 

Iniziamo a valutare i minimi comuni denominatori che caratterizzano i migliaia di commenti al mio video in cui, fondamentalmente, ho chiesto cortesemente, al DIO SOCIAL SALVINI di prendere atto che siamo tutti in quarantena, tutti disperati e preoccupati e nessuno sente il bisogno di trovarsi sul divano con il problema di capire chi c’è veramente sullo schermo, della tv, o del device che abbiamo perennemente in mano. 

Leggi il seguito

ANCHE GLI ALBANESI SFANCULANO SALVINI

Ogni nazione risponde come farebbe qualsiasi di noi, chi con la collaborazione e chi con la chiusura, terrorizzati nel vedere tutti i sacrifici e gli infiniti castelli di carte politici crollare miseramente e lasciarli con un pugno di mosche in mano.
L’Albania, paese povero ma fiero ha optato per una politica di collaborazione e ci ha inviato un contingente medico.
Dono preziosissimo ancorché giunge appunto da una nazione dichiaratamente povera di mezzi.

Leggi il seguito
Translate »