RIFLESSIONI DI UNA DESIGNER INTERNAZIONALE

cultura, Notizie, Personaggi

L’ingrato ha intervistato Sara Sidari, designer internazionale che vanta collaborazioni con alcuni tra i più prestigiosi studi di design del mondo come Grimshaw Architect e Woods Bagot .

Le sue creazioni possiedono una delicatezza ed una leggerezza quasi onirica, nei progetti edilizi l’organizzazione degli spazi è funzionale ed innovativa.
“ponendo l’attenzione sull’individuo, sulle sue peculiarità e necessità è possibile immaginare ambienti che siano in grado di adattarsi ad esso, questo concetto, portato a più alti livelli ci consente di realizzare strutture capaci di modificarsi autonomamente in base alle necessità non solo dei singoli ma di gruppi più vasti.
Una sede universitaria, ad esempio, potrà quindi essere concepita in modo completamente differente, con ambienti più piccoli ma in grado di garantire a chi vi si trova un completo supporto architettonico e funzionale a specifiche esigenze.
Identificando tramite il supporto di app multimediali insiemi di persone legate da interessi o necessità gli ambienti si adatteranno autonomamente, trasformandosi in aule studio piuttosto che in sale conferenza, aule o ambienti di svago”.
La struttura dialogherà con le persone che la visitano tramite i loro  smartphone o attraverso hot spot multimediali posizionati strategicamente nell’edificio”.

Questo sistema fluido può essere applicato a qualsiasi tipologia di edificio, sia esso residenziale, commerciale o industriale.
Non sarà più l’uomo a doversi adattare all’ambiente ma l’ambiente si adatterà alle sue esigenze.
Siamo alle porte di una rivoluzione culturale che non può più attendere, con la tecnologia possiamo finalmente ideare e costruire strutture che solo pochi anni fa erano pura fantascienza.
Strutture che saranno il cuore di una nuova forma di progresso che porrà l’umanità in una posizione di collettiva responsabilità e che fornirà le basi per il nostro prossimo futuro.

Sara, ama il suo lavoro ed esplora ogni aspetto del design e dei materiali, affascinata dalla carta, dalla sua storia e dalla sua tradizione, realizza su questo supporto opere che potrete trovare sul suo sito internet https://sarasidari.com/.

I progetti che le sono rimasti nel cuore sono molti, possiamo elencarne alcuni: Laura Mercier, Crown Casino, Taps wine , Cartel flowers, Nadia Bartel, Wedding Paper Chic.

Dal carattere solare e riflessivo manca del tutto di quella autoreferenzialità che il titolo e l’esperienza potrebbero procurarle, apparendo candidamente per quello che ognuno dovrebbe aspirare ad essere: passione, curiosità, ricerca, studio, professionalità.

ENGLISH VERSION
L’ingrato interviewed Sara Sidari, an international designer who has collaborated and worked for some of the most prestigious design studios in the world such as Grimshaw Architect and Woods Bagot. Her creations possess a delicacy and an almost dreamlike lightness, her projects use the organization of the spaces in functional and innovative way. “Placing the attention on the individual, on its peculiarities and needs it is possible to imagine environments that are able to adapt to it, this concept, brought to higher levels allows us to create structures able to modify themselves according to need not only of individuals but of larger groups.
For example, a university building can be conceived in a completely different way, with smaller rooms but able to guarantee complete architectural and functional support to specific needs. By identifying, through the support of multimedia app, sets of people linked by interests or necessities, the environments will adapt autonomously, turning for example, classrooms into conference rooms or conference rooms into leisure environments “.
The structure will dialogue with the people who visit it through their smartphones or through multimedia hot spots strategically positioned in the building “.
This fluid system can be applied to any type of building, be it residential, commercial or industrial. Man will no longer have to adapt to the environment but the environment will have to adapt to his needs. We are at the gates of a cultural revolution that can no longer wait, with technology we can finally design and build structures that were just a few years ago, pure science fiction. Structures that will be the heart of a new form of progress that will place humanity in a position of collective responsibility and that will provide the foundation for our near future.
Sara, loves her work and explores every aspect of design and materials and specifically drawing, fascinated by paper, by its history and by its tradition, you can find on her website https://sarasidari.com/. From her illustration to her architectural projects and vision, many have remained in the hearts of many. Her illustration collaborations include brands such as Laura Mercier, Crown Casino, Taps wine , Cartel flowers, Nadia Bartel, Wedding Paper Chic, to name a few. From the solar and reflective nature lacks all that self-reference that the title and the experience could provide them, appearing candidly for what everyone should aspire to be: passion, curiosity, research, study, professionalism.

Christian Longatti
Andrea Gunetti

One thought on “RIFLESSIONI DI UNA DESIGNER INTERNAZIONALE

Comments are closed.