RORY GALLAGHER, IL GENIO DIMENTICATO DEL ROCK

Pura magia. Non c’è altro modo per descrivere la musica di Rory Gallagher. Molte persone cercheranno di raschiare il fondo dei ricordi per cercare di focalizzare chi sia costui. Non è uscito da nessuno dei talent show che negli ultimi tempi monopolizzano i gusti e l’industria discografica. E non ha nessun legame di parentela con i fratelli Liam e Noel degli Oasis. Perché è questo il tipo di reazione a cui si va incontro quando a qualche “rocker” improvvisato (o anche a qualsiasi facente parte della stampa specialistica) si domanda “Conosci Rory Gallagher?”. Le risposte sono tra le più disparate: c’è chi fa finta di pensare a dove possa aver già sentito quel cognome, chi tenta di dargli un volto cercando di scartabellare i vincitori di X Factor delle ultime otto edizioni, chi pensa di averlo sentito come super ospite a Sanremo e chi invece ti guarda come se gli avessi insultato la famiglia in Klingoniano.

SE A SANREMO A PERDERE E’ LA MUSICA (QUELLA VERA)

Il festival di Sanremo è una delle manifestazioni più importanti del panorama musicale italiano, se non la kermesse per eccellenza. Fin dalla sua prima edizione del 1951 è stata, nel corso degli anni, la rappresentazione più lampante dello spaccato dell’italianità nel mondo. Tanto si è detto e scritto sull’edizione che si è appena conclusa, giunta quest’anno al suo sessantottesimo anno di vita. Un traguardo importante, che mostra tutte le rughe e le crepe di un appuntamento che con gli anni ha perso di gran lunga il prestigio che aveva in passato.

MARILYN MANSON E L’IPOCRISIA PERBENISTA DELLA BEAUTIFUL PEOPLE

Quando si pronuncia il nome di Marilyn Manson la maggior parte delle persone pensa subito ad uno stralunato personaggio con delle strane lenti a contatto, vestiti di pelle neri e satanismo. Questo perché l’oscurantista macchina del perbenismo ha alimentato negli anni la convinzione che la rockstar americana sia un indefesso satanista intento a divulgare il messaggio del Signore degli Inferi attraverso i testi delle sue canzoni. Per anni Manson (la rockstar) è stato oggetto di una delle più massicce e pericolose gogne mediatiche messe in campo dalla società americana.

IL ROCK STA REALMENTE DIVENTANDO UN FENOMENO DA MUSEO?

«Il Rock è morto. Genere musicale amato da generazioni di capelloni e liberi pensatori, colonna sonora di infuocati rapporti sessuali celebrativi. Ispiratore di una vera e propria rivoluzione culturale e capostipite di diversi generi musicali sorti dopo di lui, i suoi inconfondibili riff riecheggiavano per sempre nell’eternità. Non fiori ma opere di bene”. Potrebbe essere questo il necrologio del Rock, genere musicale oramai consegnato ai margini della storia. Perché sono così drastico? Semplice. Basti analizzare una serie di fattori che, nell’immediato futuro dell’industria musicale, hanno fatto si che il Rock (e la musica in generale) diventassero una nota marginale all’interno della storia dell’Uomo.

RED HOT CHILI PEPPERS, QUEL SOUND CALIFORNIANO CHE SCALDA IL CUORE

Ho messo le mani su un album dei Red Hot Chili Peppers per la prima volta a tredici anni. Ero nel negozio di dischi del mio quartiere, un piccolo angolo di paradiso in cui poter spendere i soldi che ricevevo dai parenti durante le feste comandate. Tra i tanti cd che affollavano gli scaffali di quel negozio, ce ne fu uno che catturò la mia attenzione. Era Californication, settimo album in studio della band californiana, destinato a diventare un classico della discografia della band e del rock di moderna concezione.

ADDIO DOLORES, VOCE E LEADER DEI CRANBERRIES

Dolores O’Riordan, cantante irlandese, leader del popolare gruppo “The Cranberries”, è morta, aveva 46 anni.