OLTRE 40’000 PERSONE A TORINO PER DIRE SI ALLA TAV

La forza creatrice contro l’entropia, uno scontro millenario che oggi si manifesta con forza a Torino, migliaia di persone si sono radunate in Piazza Castello per sostenere progresso e lavoro.

TORINO NON E’ UNA CITTA’ PER VECCHI

A Torino pare non sia più lecito potersi divertire. Dopo l’ennesima stretta sulla tanto chiacchierata movida con un provvedimento che vieta la vendita di alcol da asporto dalle 21 alle 6 nelle zone di Regio Parco, San Salvario e Vanchiglia, la beffa adesso riguarda le bocciofile. Questi veri e propri aggregatori sociali, importantissimi per molte persone anziane dei quartieri che trovano in questi luoghi strutture nelle quali passare ore spensierate tra una partita a carte e una a bocce, rischiano di chiudere.

TONINELLI, NUOVO COMICO O ENNESIMO INCOMPETENTE?

Questo governo ci ha ormai abituato a sparate di abissale ignoranza e concetti impronunciabili.
D’altronde dagli individui che lo compongono non ci si potrebbe aspettare null’altro che una continua e costante produzione di inutile mota dai vaghi connotati politici.
Iniquo nelle azioni come nei pensieri l’accozzaglia giallo-verde schiaffeggia l’elettorato con continue insulse dichiarazioni al limite dell’assurdo e ben oltre l’ilare.
Come tacchini sguaiati fanno a gara a chi la spara più grossa e malgrado le loro “doti” naturali fanno fatica a star dietro alle dichiarazioni del “ministro” salvini.

LIBERA NOS A MALO

Non invochiamo il dio polveroso e distratto, noi ingrati, di lignee statue e dorate icone ce ne fottiamo.
Che siano nostri testimoni i nordici Asi, Che sia Thor, martello degli dei ed Odino, suo padre, brandendo la sua lancia Gungnir a farci da testimoni.
Che intervengano gli Annunaki sumeri, Inanna, Enki ed Enlil a soppesare l’iniquità che ci opprime, l’assurdo che ci attanaglia, il marcio che insozza l’aria che respiriamo.

LA NEOLINGUA DI SALVINI

Le strategie di comunicazione utilizzate dal felpetta per ottenere il potere ci danno la possibilità anche di renderci conto di che genere di individuo egli sia.
Infatti le tecniche che egli usa definiscono senza dubbio specifiche caratteristiche morali (ma sarebbe meglio dire amorali) ed umane (meglio disumane).
Una comunicazione efficacissima, perlomeno per il suo target, talmente semplice da risultare puerile, usa termini comprensibilissimi per far leva sui più bassi istinti degli individui.

IL MONDO BASTARDO

Lunedì 2 luglio, alle h 18.00, presso il Circolo del lettori Via Bogino, 9 ci sarà la presentazione di un libro sicuramente speciale. Il titolo di questo libro è “Senza chiedere il permesso. Il mondo bastardo”. La sua autrice ed ispiratrice è la combattente curda Ezel Alcu, ed il testo ha avuto il contributo di personalità varie e molteplici.
L’onore e l’onere dell’introduzione dell’incontro spetterà a Gianpiero Leo.

LA RELIGIONE HA ANCORA SPAZIO IN POLITICA?

Sabato 30 giugno, alle h 9,30, presso l’Hotel Genio Corso Vittorio Emanuele, 47 è stata convocata una assemblea di dibattito – riflessioni – proposte rispetto al ruolo dei cattolici in politica.

UNA VIA AD ALMIRANTE? LA RAGGI DICE NO.

A quanto pare non c’è limite all’assurdo in Italia, il desiderio di intitolare una via a Giorgio Almirante ha scatenato un putiferio nella giunta di Roma.
La mozione è inaspettatamente passata causando l’orrore e la costernazione dei pentastellati romani che, cappeggiati da Virginia Raggi, hanno subito trovato il modo di bloccare questa iniziativa attraverso una mozione volta a vietare l’intitolazione di strade di Roma ad esponenti di forze politiche legate al disciolto partito fascista o a persone che si sono esposte con idee antisemite e razziali che verrà presentata il prima possibile.

L’ITALIA E L’INFLUENZA

Una curiosità che merita scrivere riguarda il trend topic politico di oggi: l’articolo 92 della costituzione.
Un picco incredibile che dimostra che la maggior parte degli elettori non ha la minima preparazione civica ed incuriosito dal guazzabuglio creatosi attorno alla figura di Savona ha cercato lumi sul più famoso motore di ricerca del mondo.
La Germania è la nazione trainante dell’economia europea, è un fatto e come tale va accettato, se non siamo noi a condurre questa alleanza c’è un motivo preciso che va’ ricercato nell’incompetenza e nel pressappochismo della nostra classe politica e dirigente.

L’ITALIA RISORGERA’

Fermatevi e respirate, null’altro dovete fare, chiudete gli occhi ed assaporate la vita che scorre in voi, percepitene la fragilità ed al contempo la forza, seminate speranza, quella speranza che ci eleverà tutti.
Non temete Ingrati miei, è dalla merda che nascono i fiori.