JUNIOR CALLY E LA POLITICA CHE VUOLE NASCONDERE LA POLVERE SOTTO IL TAPPETO

Musicalmente parlando è una emerita schifezza, sopratutto per le nostre orecchie, abituate ad ascoltare Deep Purple, Led Zeppelin, Iron Maiden, Frank Zappa, ecc.
Ma le parole hanno un che di interessante, sembra quasi di leggere il manifesto di una nazione morente di una gioventù che urla il suo sdegno verso un Paese che non li ha mai capiti ne’ ascoltati.

Leggi il seguito

CETTO LA QUALUNQUE E CHECCO ZALONE: SCACCO MATTO ALL’ITALIANO MEDIO.

“Cetto C’è Senzindubbiamente” e “Tolo Tolo”: nel primo, padrona la politica e l’orientamento inesistente del popolo italiano in materia; nel secondo, immigrazione e politica, estera e locale. Per chi ha avuto modo di recarsi al cinema noterà che, in entrambi i casi, gli affari pubblici vengono affrontati sotto interessanti prospettive, amaramente veritiere: incapacità di giudizio, massificazione, esasperato radicamento ove non ci sono più nemmeno semi da piantare, superficialità politica e popolare.

Leggi il seguito

ARTE E VIDEOGIOCHI – INTRODUZIONE –

In virtù della sua essenza l’arte non si limita, include ed assorbe senza abbandonare alcun tipo di possibile metodo espressivo.
C’è chi sostiene che con l’avvento delle tecnologie moderne il concetto di opera d’arte si sia desacralizzato, rendendo possibile per chiunque o quasi esprimere il proprio fuoco interiore.

Leggi il seguito

ARRIVEDERCI DANIELA, CI VEDREMO IN UN MONDO PIU’ GIUSTO!

In Cile non c’è più pace, Daniela Carrasco, artista di strada nota come il ‘mimo’ è stata violentata, torturata impiccata ed il suo cadavere esposto come un trofeo alla periferia di Santiago, in Cile, lo scorso 20 ottobre.
L’ultima volta che è stata vista in vita, Daniela era stata fermata dalla polizia nell’ambito delle proteste che hanno infiammato il Cile contro il regime di Sebastián Piñera.
Secondo il rapporto ufficiale si sarebbe suicidata.

Leggi il seguito

“EFFETTO DI AUTUNNO A ARGENTEUIL” Claude Monet – 1873 –

In questi giorni iniziali della stagione autunnale ci teniamo a proporre quest’opera con le sue tonalità calde ma che lasciano intravvedere quel periodo imminente di gelo.
Una scena foriera di speranza ancora inespresse che infondono sia serenità che pace.

Leggi il seguito

L’HOMME QUI RIT (L’uomo che ride) Victor Hugo – 1869 – RIASSUNTO E LINK

Questo romanzo secondo Garzanti è stato scritto con una tecnica compositiva basata su uno dei più collaudati espedienti narrativi: l’agnizione, ossia la rivelazione finale della vera identità di un personaggio.
Ma Hugo ne fa qui un uso spregiudicato, dissolvendola nel momento stesso in cui la realizza.
Il protagonista, infatti, non può strapparsi la “maschera” dal volto: essa è il suo volto, prefigurazione di uno smarrimento dietro il quale si nasconde l’inconsapevole disgregazione interiore.
Per i suoi chiaroscuri gotici, l’atmosfera onirica, per l’incisività dei suoi personaggi, squadrati in antitesi irrisolte, per la potenza della storia, in cui gli istinti primigeni e brutali convivono fianco a fianco con una tenera, luminosa umanità, “L’uomo che ride” suscitò disagio e sconcerto al suo apparire ed è tutt’ora un romanzo molto discusso.

Leggi il seguito

LA: “CATTURA DI CRISTO” Caravaggio

Con l’atmosfera di tradimento che si respira in Italia in questo periodo abbiamo ritenuto di dover iniziare la pubblicazione della nostra rubrica sull’arte con questo dipinto.
A monito del fatto che ritenere impossibile il tradimento di un uomo verso un ideale è un concetto quantomeno distante dalla realtà considerato che proprio un uomo e solo un uomo fu responsabile del tradimento di un Dio.

Leggi il seguito
Translate »