CENTRI SOCIALI O ASOCIALI?

In questi giorni osserviamo una escalation di violenza dei centri sociali in Emilia Romagna.
Il leader di Forza Nuova, Roberto Fiore a Bologna e Giorgia Meloni a Livorno sono stati pesantemente contestati da studenti e giovani del mondo antagonista che, nei centri delle loro bellissime città, hanno dato il via ad una vera e propria guerriglia che ha preso di mira le forze dell’ordine, per loro colpevoli di sostenere il diritto di parola del leader di destra.

UN CAFFE’ CON… COMAN GRIGORE

Abbiamo incontrato Coman per il nostro classico caffè, vi presentiamo oggi il candidato al senato per torino 1 di Grande Nord.
Un uomo che è stato accolto dal nostro territorio dal 2004, emigrato dalla Romania ha lavorato inizialmente come dipendente nel campo delle ristrutturazioni.

CHI VOTERAI IL 4 MARZO?

Di seguito le coalizioni e le liste presentate in almeno la metà delle circoscrizioni della Camera dei deputati e/o del Senato della Repubblica.

QUELLA INCREDIBILE PUZZA DI VOTO

L’umanità ed il tradimento sono conoscenze antiche, possiamo cambiare marca di automobile, modo di vestire, famiglia, amici ed abitudini, ma difficilmente cambiamo fede calcistica o area di voto politico (escludendo il passaggio culturale post adolescenziale).

“VINCI SALVINI” E’ PHISHING, ATTENTI AI VOSTRI DATI

Google stesso ha segnalato questo problema, tant’è che segnala l’email con una icona che non lascia spazio ad interpretazioni: un’amo da pesca, un’amo che pende sulle vostre identità e che non vede l’ora di arpionarvi, per regalare al signore e padrone degli infelpettati nuovi account di posta da bombardare con messaggi populisti e banalità senza fine.

LUIGI DI MAIO: MACELLAIO DOGMATICO

Luigi di Maio: l’ incoerenza quasi svergognata (si potrebbe dire da “faccia di tolla”) del candidato in pectore di un movimento politico che tritava consensi sulla base della coerenza e della fermezza, di valori non negoziabili, ovviamente visti come una panacea dall’elettore stanco, deluso, avvilito, frustrato da anni di generale innettitudine della classe politica di governo.

LISTE LEGA, POSSIBILI ERRORI?

L’inizio di questa campagna elettorale a Torino raggiunge già connotati ridicoli, assolutamente in linea con l’attitudine vergognosa dei componenti del movimento salviniano di snobbare la realtà a favore del poltronismo e dell’arrivismo politico.

LUCA TRAINI, IL GIOVANE SALVINIANO DI MACERATA

L’odio e la rabbia hanno raggiunto infine i risultati tragici e deleteri che credevamo potessero tutti coinvolgere.
Odio ed ignoranza hanno portato un giovane aspirante salviniano a prendere le armi e sparare contro gruppi di immigrati nel comune di Macerata, luogo in cui è avvenuta la tragedia che ha visto una giovane massacrato da un immigrato folle e dissociato.
Un’arma da fuoco è stata oliata, armata, caricata, puntata ed infine i suoi colpi esplosi contro esseri umani innocenti.

MONTANI, “INOPPORTUNO ED IMBARAZZANTE”

montani, forte della sua carica di senatore dovrebbe sapere come deve comportarsi chi guida la Repubblica, onestà, rettitudine, saggezza, tutti valori che in costui non sono evidentemente presenti.
Questo personaggio, che chiaramente dimostra di essere sicuramente poco puntuale nei pagamenti e poco serio coi fornitori è la scelta della lega di salvini per ricoprire nuovamente l’incarico di Senatore della Repubblica proprio per il territorio che ha spremuto.

DAL CARROCCIO ALLA CARRIOLA

Ci sono poi anche gli idioti che vorrebbero contare qualcosa che inaspriti dal fiume d’odio che scaturisce dalle parole del loro felpettone si ritrovano loro malgrado a commettere azioni assurde e socialmente imbarazzanti.
Ci riferiamo al giovane salviniano Andrea Crippa, che sprezzante del pericolo e sopratutto del senso civile del buon vivere ha realizzato una telefonata fake