PACCO BOMBA AL SALVINIANO SCIRETTI, COME PASSARE DALL’OBLIO ALLA RIBALTA CON QUALCHE GRAMMO DI TNT

Ma cosa vi passa per la testa?
Con questi pacchi bomba state regalando visibilità a personaggi che dovrebbero essere solo dimenticati dagli uomini e dalla storia, come specie geneticamente inadeguate dovrebbero estinguersi, inadatti a vivere nell’ambiente che li accoglie.

LA STORIA SORDIDA DEL RATTO INCASTRATO E DEI POLITICI POLTRONARI

Il topo in questione era un esemplare grassoccio e stupido che nel tentativo di uscire dalle fogne è rimasto incastrato in un tombino, fortunatamente per lui sono intervenuti alcuni vigili del fuoco che sono riusciti a liberarlo.
Una storia che ci ricorda molto da vicino i fatti che coinvolgono il tristerrimo salvini ed i suoi amichetti grullini.

I GRILLINI DI SALVINI

Ed ecco l’amico grullino correre in aiuto dell’alleato, pronto a cedere quel nulla di onore che ancora possedeva per salvare capra e cavoli.
Il ministro dal canto suo è ben felice di essersi evitato un processo che con ogni probabilità ce lo avrebbe finalmente tolto dalle palle ma questa vittoria gli costerà cara.
La classe media non vede di buon occhio i vigliacchi ed il suo comportamento ha reso a tutti palese la sua inettitudine, la sua pavidità.

MAGGIORANA, l’HERBA BUENA DAGLI EFFETTI STIMOLANTI.

Dopo neanche una settimana dal suo trionfo a Miss Italia la nuova reginetta Carlotta Maggiorana rischia di dover cedere la corona. La macchina del giornalismo gossipparo si è messa in moto e scavando in modo approfondito nella sua vita privata e nelle sue esperienze antecedenti alla sua partecipazione al concorso di bellezza più ambito d’Italia.

A VENEZIA RINASCE LA SPERANZA

La macchina organizzativa si è messa in moto e nell’anniversario della dichiarazione di indipendenza della Padania c’è chi non smette di auspicare un percorso di autonomia e libertà del Nord.
A breve si avranno indicazioni sulla giornata e i dettagli della manifestazione.

A ROMA SI INSTAURA IL TERZO TRIUMVIRATO

Dopo Pompeo, Cesare e Crasso nel 60 a.c. seguiti da Ottaviano, Antonio e Lepido nel 43 a.c. si è dovuto attendere 2061 anni per rivedere sulla scena politica romana l’instaurazione di un terzo triumvirato, quello di Conte, salvini e Di Maio.
Sappiamo che ogni volta l’alleanza durò poco e si passò alla guerra civile a causa delle inevitabili rivalità tra i triumviri e le divergenze che tra essi si erano venute a creare.

ITALIANI, OSTAGGIO DEI POPULISTI

Mentre il Quirinale, nella persona del Presidente Mattarella sta cercando di risolvere la situazione Governo con l’aiuto di Cottarelli dalla strada il felpetta populista sbraita ed urla come un banditore fomentando le masse e rendendo sempre più delicata la già terribile situazione che egli stesso ha contribuito, il larga parte, a creare.

LA PAURA DEI MERCATI CONTINUA

In attesa che Cottarelli finalizzi la lista dei ministri l’opinione degli investitori sulla stabilità dell’Italia è evidentemente ancora bassissima, lo spread sale a quota 230 e le borse subiscono un forte calo che di fatto annulla ogni utile dall’inizio dell’anno.
Questi i risultati che il governo del cambiamento ha portato alla nazione in soli due mesi, complimenti.

REPUBBLICA PRESIDENZIALE O DELLE BANANE?

Come fare per evitare il governo e mantenere un minimo di credibilità politica?
Impuntarsi irresponsabilmente su un nome, tale Savona ha consentito alla fazione populista di evitare di cadere nella trappola governo che ora dovrà essere risolta da un pool tecnico, seguito a breve distanza temporale da una nuova elezione.
Inevitabile la rottura dell’alleanza, peraltro prevista dal felpetta nazionale, che da subito si è dedicato alla nuova campagna elettorale alla quale ha fin d’ora deciso di dare prepotenti toni anti Quirinale ed anti europeisti, rubando la scena a Di Maio ed al movimento pentastellato che purtroppo non si era reso conto di quanto astuto e pericoloso fosse il suo finto alleato politico e di come il suo operato li avrebbe danneggiati.

L’ITALIA E L’INFLUENZA

Una curiosità che merita scrivere riguarda il trend topic politico di oggi: l’articolo 92 della costituzione.
Un picco incredibile che dimostra che la maggior parte degli elettori non ha la minima preparazione civica ed incuriosito dal guazzabuglio creatosi attorno alla figura di Savona ha cercato lumi sul più famoso motore di ricerca del mondo.
La Germania è la nazione trainante dell’economia europea, è un fatto e come tale va accettato, se non siamo noi a condurre questa alleanza c’è un motivo preciso che va’ ricercato nell’incompetenza e nel pressappochismo della nostra classe politica e dirigente.