IL TURGIDO RAPPORTO TRA MUSICA E SESSO

musica, Notizie, opinioni

Il rapporto tra musica e sesso è un binomio perfetto che accompagna la vita dell’uomo fin dalla sua comparsa. La musica, purchè buona, è godimento puro e non c’è niente di più afrodisiaco di una buona playlist musicale in grado di rendere unico quell’orgasmo che porterà a pirotecnici risultati.

Gli dei pagani, sollazzati dai sacrifici rituali, ascoltavano ritmici tamburi godendo dei ventri vogliosi di lascive fanciulle dai capelli dorati. I baccanali di età romana celebrati in onore del dio Bacco erano accompagnati da vino che sgorgava a fiumi ed era allietato dalla presenza di musicisti che, suonando i loro strumenti, facevano da colonna sonora ad orgiastici riti di accoppiamento tra fanciulle di messalinica bellezza e giovinotti in un contesto in cui l’unico scopo era portare il piacere alla sua massima elevazione.

Il rapporto tra sesso e musica è da ricercarsi anche nell’effetto che quest’ultima dona a chi la ascolta. Basti pensare alle groupies, ragazze che accompagnavano le rockstar nel corso delle loro tournèe in giro per il mondo, diventando (se vogliamo) una moderna e sfrenata impersonificazione del concetto orientale della figura delle geishe.

Ci sono poi dei veri e propri capolavori musicali che sono nati apposta per essere il perfetto tema musicale di una scopata memorabile. In tal senso è impossibile non citare l’onirica Whicked Game di Chris Isaac, ballad dai toni di chitarra morbidi e seducenti sulle cui note è stata concepita, volontariamente o meno, un’intera generazione.

Ma questa non vuole essere una fottutissima classifica con le dieci migliori canzoni da utilizzare per acuire i vostri orgasmi. Per quello ci sono già le riviste con le quali vi ammorbano le vostre mogli e fidanzate. Questa è una modesta riflessione su due degli elementi che rendono quella corsa ad ostacoli comunenente chiamata vita degna di essere vissuta in tutte le sue sfumature.

Se proprio volete un consiglio la prossima volta che farete una sana chiavata mettete su un album live del vostro gruppo preferito, in modo tale da ricevere applausi ed ovazioni ogni cinque minuti e creare qualcosa che, senza ombra di dubbio vi renderà delle rockstar nell’ottimista tempistica di qualche minuto o qualche secondo, in base alle personali virtù di ognuno.

Hank Cignatta