PAONE? PAVONE!

Personaggi

Bello e divertente assistere alla ruota del pavone Paone,
Nutrito adeguatamente del becchime dei banchieri di Bruxelles esalta dal suo trespolo i vantaggi di questa Europa “antinazionalista”, unica cura al male dei popoli, oppio e disgrazia chiamata libertà.
Terrorizzando con i suoi paupulii convulsi la mediatica platea di “Quinta Colonna” ha cercato di definire come l’Europa sia l’unica cura al nazionalismo economico, che dal suo punto di vista è il peggiore di tutti i mali del mondo.
Prendiamoci un attimo per definire il termine nazionalismo economico:

Dottrina che sostiene l’affermazione della Nazione intesa come collettività omogenea e ritenuta depositaria di valori tradizionali, tipici ed esclusivi del patrimonio culturale e spirituale nazionale.
Il Nazionalismo economico, va quindi inteso come un indirizzo di pensiero che mirava a potenziare al massimo le energie economiche della nazione e, a tal fine, favorevole a un largo intervento dello Stato nell’economia e all’adozione di misure di politica commerciale, produttiva e demografica capaci di fare conseguire l’autosufficienza. (Fonte Treccani)

Posto che ora siamo meno ignoranti e che partiamo da una base cognitiva comune ci possiamo dividere in due tronconi,
il primo, che vede nelle dottrine nazionalistiche che hanno alimentato il successo delle nazioni del mondo per oltre 100 anni un’idea applicabile e funzionale anche oggi se pur con le dovute variazioni cronologiche.
Il secondo, che vede nella privazione delle libertà dei popoli una convincente strategia per ottenere vantaggi e benessere.

Sinceramente privare il popolo di libertà non ci sembra una strada sensata, anzi pericolosa, a tal punto da temerla come la peste.
Ritenendoci democratici propendiamo per il nazionalismo, a spada tratta difenderemo questa ideologia che ci ha permesso di competere con colossi economici come la Germania e gli USA.

Il concetto di debito pubblico, in un’ottica nazionalista va considerato in termini completamente differenti, in quanto è si debito ma dello Stato, ed in quanto tale del tutto aleatorio.
Diversamente, il debito in un sistema Europeista è debito dei popoli, in quanto non esistono banche centrali pubbliche aventi funzione di cuscinetto economico, ma solo gruppi privati che in quanto tali esercitano la loro attività a scopo di lucro.
Essere favorevoli quindi ad un Europeismo puro significa essere favorevoli ad una dittatura di usurai.

Caro Pavoncello, pavoneggiati quanto vuoi e continua svolazzare nella tua gabbia dorata, finche il popolo ti permetterà di avere le piume.

Christian Longatti
Andrea Gunetti

Lascia un commento