THE ITALIAN JOB

Personaggi

Bidibi Bodibi Bu, ed i soldi non ci sono più!

Una pesante mazzata, è arrivata ieri sulla testa di Matteo Salvini, i conti correnti bancari del suo movimento sono stati bloccati dalle autorità ed i danari sequestrati al fine di garantire almeno un parzialissimo ritorno delle cifre contestate.
Di che cifra si tratta?
Secondo il bilancio della lega nord la situazione è questa:

AVANZO/DISAVANZO DEGLI ESERCIZI

SEGRETARIO FEDERALE BOSSI:

Anno 2010  +8.118.459,63
Anno 2011   +6.586.776,76

SEGRETARIO FEDERALE MARONI:

Anno 2012. -10.760.104,06
Anno 2013. -14.819.960,23

SEGRETARIO FEDERALE SALVINI:

Anno 2014. -8.388.793,59
Anno 2015  – 2.926.889,13

____________________________________

TOTALE ATTIVO DEGLI ESERCIZI

SEGRETARIO FEDERALE BOSSI:

Anno 2010  +41.063.936,45
Anno 2011   +47.791.649,05

SEGRETARIO FEDERALE MARONI:

Anno 2012. +40.025.226,74
Anno 2013. +25.844.133,12

SEGRETARIO FEDERALE SALVINI:

Anno 2014. +17.039.191,01
Anno 2015  + 9.520.674,91

____________________________________

TOTALE DISPONIBILITÀ LIQUIDA  ALLA FINE DEGLI ESERCIZI

SEGRETARIO FEDERALE BOSSI:

Anno 2010  +31.665.898,46
Anno 2011   +12.796.058,96

NOTA: la liquidità, a fine 2011, diminuisce di molto perché Belsito, all’insaputa di tutti decide, in dicembre, di fare i famosi investimenti in Tanzania ecc…

SEGRETARIO FEDERALE MARONI:

Anno 2012. +23.201.219,77
Anno 2013. + 6.012.576,69

SEGRETARIO FEDERALE SALVINI:

Anno 2014. +5.077.220,03
Anno 2015  +1.469.262,86

A chi non mastica la lingua dei ragionieri possiamo dire, senza sapere ne leggere ne scrivere, che dei 47 milioni e rotti del 2011, ne sono rimasti solo 9, di cui solo uno e mezzo rappresenta la disponibilità liquida, ovvero sono soldi in cassa.
La magistratura ha stabilito il sequestro a fini cautelativi, e mi sembra il minimo, dato che a quanto pare sono fondi che dovranno essere restituiti nel caso di condanna definitiva.
A questo punto però la patata bollente è in mano a salvini, che di fatto essendo segretario del movimento è responsabile di aver speso danari che lui stesso aveva dichiarato essere derivanti da illecito e quindi corpo di reato.
La somma contestata in origine era di circa 40 milioni, ampiamente coperta dal bilancio 2011.
Oggi cosa ne rimane?
Il fantomatico colpo di stato delle sinistre forze renziane sbandierato da salvini in questa giornata di sforzi mediatici al limite dell’agonia a noi pare essere semplicemente il tentativo di evitare che anche gli ultimi euro sul conto potessero essere spesi nel più breve tempo possibile.
I conti non sono opinabili, i soldi c’erano ed ora come per magia non ci sono più.

Puffffff.

Sarà stato Lupin III°?

Christian Longatti
Andrea Gunetti