I BOSTON, PIU’ DI UNA SENSAZIONE

musica

Il rock, inteso come genere musicale senza tempo, è costituito da gruppi in grado di suscitare sempre grandi emozioni. Esattamente come una buona bottiglia di vino, certe canzoni sono in grado di toccare certe corde dell’animo umano meglio di qualsiasi altra cosa al mondo.

Tra questi gruppi figurano senza ombra di dubbio i Boston, che rappresentano uno dei progetti più di successo della storia del rock. Lasciate da parte per un istante tutte le varie etichette che si tende a dare a questo variegato genere musicale e ai suoi protagonisti. Questo fa parte di un tipo di fare giornalismo pilotato dall’industria discografica che tende a voler mettere in un recinto ciò che batte sotto la sempiterna bandiera delle emozioni che questi capolavori musicali sono in grado di regalare.

I Boston, nelle persone di Tom Scholz, Barry Goudreau, Brad Delp, Fran Sheean e Sib Hashian, furono in grado di diventare un fenomeno mondiale pur avendo all’attivo la pubblicazione di “solo” cinque album. Comparvero sulla scena nel 1976, anno in cui pubblicarono l’omonimo album di debutto che conteneva la loro hit evergreen More Than A Feeling, ad oggi una delle canzoni più  famose e riconoscibili della band.

Proprio grazie a quell’album furono in grado di far riscoprire al grande pubblico la bellezza del rock, in un periodo in cui la scena musicale e socio- culturale era dominata dal fenomeno della  disco music. E se i “templi” della Disco Music erano le discoteche, quelli dei Boston erano i palchi che sapevano gremire di persone che accorrevano ai loro concerti.

Nel corso degli anni il gruppo ha visto diversi cambiamenti di formazione, cosa non del tutto inusuale nella storia delle rock band che hanno inciso una tacca indelebile nella storia del genere e della musica in generale. Tom Scholz, unico membro a far parte della formazione originale dalla sua fondazione fino ad oggi, è la vera anima creativa dei Boston.

Personaggio eclettico, polistrumentista ed ingegnere del suono, Scholz ha fondato la sua casa di produzione di strumenti musicali, la Scholz Research & Developtment Inc., con la quale produsse alcuni dispositivi di sua ideazione, tra i quali l’amplificatore Rockman.

Altro grande fattore che si cela dietro al successo del gruppo è da ricercarsi nella figura di Brad Delp. Trovato senza vita nel 2007 nella sua abitazione in seguito ad un’intossicazione da monossido di carbonio,  con il suo timbro vocale è riuscito a dare quell’impronta stilistica unica a brani che riecheggieranno per sempre nell’Olimpo del rock.

Hank Cignatta