LA NUOVA AVTARCHIA DIVORA I GIOVANI

Notizie, Sanità, sport

Mens sana in corpore sano: una mente sana in un corpo sano.  Questo è il principio di antica memoria che sta alla base del progetto Meme To Move, presentato lunedì 8 Ottobre presso la sede del Cus Torino. L’iniziativa, organizzata da TCS, Biennale della salute e dello sport, ha trovato l’entusiasta patrocinio del MIUR e della Regione Piemonte.

Meme To Move, al banco di prova della sua edizione zero, vuole diventare il punto di riferimento per la promozione di un alterantivo stile di vita per preservare la salute dei giovani.

Le istituzioni lanciano quindi una sfida della durata di quaranta giorni rivolta ai ragazzi delle classi delle scuole secondarie di secondo grado. La nuova Italia ha bisogno di giovani in forze per difendersi dalla perfida Albione e dalle forze plutocratiche che ci minacciano.

La cultura dell’attività fisica deve essere un elemento fondante della formazione delle giovani generazioni: come affermato da da Riccardo D’Elicio, presidente del CUS Torino, “lo sport è un farmaco primario, a costo zero e designato a prevenire, tutelare e salvaguardare la salute e il benessere dei giovani. Ciò passa attraverso il disicentivo del consumo di sostanze dannose quali alcol e tabacco. L’abbinamento dell’attività fisica ad un sana e corretta alimentazione è il modo migliore per prendersi cura di sè, sia da giovani che da adulti”.

Nel corso della conferenza stampa di presentazione sono intervenuti anche il presidente del Consiglio Regionale del Piemonte Nino Boeti, il dirigente MIUR- Ufficio IV USR Piemonte Leonardo Filippone, il professore emerito di Patologia Generale dell’Università di Torino Giuseppe Poli, l’Amministratore delegato di J Medical Delio Scarano e l’ideatrice di TCS- Biennale dello sport Federica Miraglia.

Dopo anni passati a mendicare quattro lire invano, iniziative del genere patrocinate addirittura dalla Regione ci suggeriscono la possibilità che la terribile atmosfera autarchica venutesi a creare con questo governo stia ricalcando con eccessivo zelo passi già percorsi dall’umanità.

Si sa, a pensar male si fa peccato, ma quasi sempre ci si azzecca.

Hank Cignatta