VACCINI AI PICCINI

Sanità, Storia

Che i vaccini non siano perfetti, così come tutte le creazioni dell’uomo, è ovvio.
Che qualcuno sia morto o sia rimasto gravemente menomato è possibile, tuttavia dobbiamo farci due conti seri.
Tralasciando gli ovvi benefici della civiltà, (igiene, benessere, cibo di qualità disponibile anche alle fasce meno ricche) è dall’introduzione dei primi vaccini che la curva della mortalità infantile e la soglia di sopravvivenza hanno drasticamente modificato la loro tendenza.
Se vogliamo parlare di fatti atteniamoci alla storia ed ai dati scientifici attualmente disponibili ovunque.
Presentiamo qui dei grafici semplificati in cui è possibile, a colpo d’occhio comprendere che la farmacologia moderna e l’introduzione della vaccinazione obbligatoria hanno portato ad evidenti e positive alterazioni delle linee dati.

Lamentarsi dei vaccini è una assurdità pazzesca, non esiste il rischio “ZERO”, ma esiste il benessere globale.
Se un numero sensibile di persone smetteranno di vaccinare i propri figli le cose peggioreranno, e tanto.
Potrebbe svilupparsi una pandemia globale, potrebbe essere a rischio la civiltà come oggi la conosciamo.
La vita è un valore assoluto ma in quanto tale è ovvio che la vita dei molti vale più di quella dei pochi.

Christian Longatti
Andrea Gunetti