L’ONDA NERA CHE PREOCCUPA L’ITALIA E L’EUROPA

in evidenza, Notizie, opinioni

La seconda guerra mondiale è finita più di 70 anni fa, ciononostante, ancora oggi rimangono delle dottrine molto vicine al pensiero fascista e nazista, e purtroppo riscuotono molto successo nel nostro paese e in Europa.

A distanza di tanti anni esiste ancora il negazionismo dell’olocausto e c’è (addirittura) chi afferma che i campi di concentramento sono stati in realtà dei set cinematografici o addirittura dei parchi giochi (come il caso della signora che è andata in giro con la maglia di Auschitzland).

Basta guardarsi in giro

Per capire se nel nostro paese ci sono ancora mentalità malate non è necessario fare grandi sforzi osservativi o elucubrativi, basta seguire ogni tanto le telefonate alle varie radio di persone comuni che esternano i loro “pensieri”. Sui podcast delle varie trasmissioni (ascoltabili su YouTube) è possibile sentire persone che affermano di essere fasciste (e in alcuni casi addirittura naziste) e purtroppo a volte riscuotono anche un discreto successo perché riescono a suscitare simpatia nelle menti degli ascoltatori comuni, persone che in un modo o nell’altro potrebbero anche accettare idee così malsane.

Un sistema normativo che non indica la retta via

In questo caso va detto purtroppo che la legge italiana non è in grado di incutere timore alle persone che esternano pensieri violentissimi, e tutto questo si è tradotto con le varie manifestazioni (e comportamenti) che ogni anno gettano l’Italia in una brutta ed oscura ombra. A distanza di tanti anni è ancora diffusa l’usanza di fare il saluto romano o cantare le canzoni del ventennio e tutto questo non può che far riflettere. Se le 2 azioni che abbiamo appena enunciato possono passare per “innocue”, è bene pensare però, che se in Italia si prende per giusto fare questo (saluto romano e canzoni), chissà se col tempo sarà anche tollerato fare altri azioni ricorrenti a quell’epoca.

Per capire il potenziale pericolo di tutto questo è bene visionare questo video, buona visione.

Si spera che tutto questo possa far riflettere. Siamo nel 2019 e ora come non mai c’è bisogno di idee nuove che possano risolvere i problemi di questa società. Se le tesi di quell’epoca oltre a non aver portato alcun giovamento, hanno prodotto danni incalcolabili, cosa può far pensare alle persone comuni che ora vanno bene?

 

Cosa ne pensi del pericolo dell’onda nera? Diccelo con un commento e condividi questo articolo con i tuoi amici. Per sostenerci lascia un like alle pagine Facebook “L’ Ingrato” e “L’ Ingrato sul territorio”.

Si ringrazia “La Repubblica” per l’immagine in evidenza.

Marco Galletti.