LA LIBIA SFANCULA SALVINI

Notizie, opinioni, Personaggi

La missione del Ministro degli Interni in Libia si è risolta in un colossale fallimento.

D’altronde è comprensibile che il piano del “felpetta” sia terminato con un nulla di fatto, quale motivo sensato avrebbe avuto la Libia per aiutare una nazione allo sbando come la nostra, una nazione incapace di fornire alcuna garanzia?

Oltre alla beffa tuttavia salvini ha portato a casa anche un danno importante, impegnandosi a donare ben 12 motovedette alla Libia per invogliarla nelle operazioni di protezione delle nostre coste.
Motovedette che non costano poco e che richiedono un equipaggio ben addestrato, delle strutture di supporto e manutenzione, logistica e formazione.
Milioni di euro regalati senza portare a casa niente di niente!
Un viaggio che, nel più classico stereotipo propagandistico, è stato spacciato come un grande successo.
Il ministro libico ha chiaramente sfanculato Salvini, innanzitutto adducendo motivazioni costituzionali all’impossibilità di realizzare i tanto agognati Hot Spot desiderati dal “felpetta”, ed in secondo luogo suggerendo al ministro di recarsi più a sud: in Mali, Sudan o in Niger per cercare di arginare il flusso migratorio.
In sintesi il messaggio che ha trasmesso è: “Grazie di tutto ma preferiamo i francesi”.

Elenchiamo ora quindi i grandi successi contro l’immigrazione di Salvini ottenuti in queste settimane:

– Il Blocco navale è da cattivi non si può fare.

– Gli Hot Spot in Libia: il governo libico dice che sono incostituzionali.

– Il fronte di blocco si allarga al Niger, Chad, Mali e Sudan.

Ci vorrà del tempo per contattare questi governi e mettersi d’accordo con loro per ottenere qualcosa di minimamente decente. questo è sicuro!

E nuovi voli, selfie e milanesi con patate lampo si prefigurano sullo scacchiere del Salvini l’Africano.
Insomma, nuove terrificanti cagate.

Christian Longatti
Andrea Gunetti

2 comments

  • Caro ingrato,
    anzichè scrivere stronzate le consiglio di curar di più la grammatica , dal momento che 1) i cognomi si scrivono con la maiuscola. 2) Allo si scrive con 2 L e non una . 3) Dopo la virgola la e non si mette 4) “Salvini ha inviato alla Libia le motovedette per InvogliarLA… ” e non invogliarLI. Suvvia un attimino di impegno in più e saprà evitare di scrivere bugie e scriverle ad cazzum 😉

  • Gentile Sig.na,
    Non concediamo a salvini la lettera maiuscola, egli per noi è immeritevole al punto di averne perso il diritto grammaticale.
    Abbiamo inoltre intenzione di continuare a veicolare alle nostre decine di migliaia di lettori le informazioni necessarie a comprendere il grave rischio democratico evidente a chiunque abbia conservato un minimo di lucidità mentale.
    Per le altre correzioni che ci ha suggerito la ringraziamo.

    Continui a seguire l’Ingrato.
    http://www.ingrato.it

    La nostra speranza è che anche lei possa un giorno potersi annoverare tra coloro che ci capiscono.

    Distinti saluti

    Christian Longatti

Comments are closed.