E’ GIUSTO CRITICARE SALVINI PER L’ATTENTATO IN NUOVA ZELANDA?

in evidenza, Notizie, opinioni, Personaggi

Analizziamo i fatti:

Quattro imbecilli, che si autodefiniscono fascisti, hanno effettuato un attentato a Christchurch in Nuova Zelanda.
Tre uomini ed una donna, con evidenti deficit cognitivi hanno maturato la assurda idea che uccidere gli immigrati sia giusto e corretto agli occhi di dio (scritto volutamente in minuscolo) e della patria (inevitabilmente scritto in minuscolo).
Si erano preparati questi idioti, avevano messo su uno spettacolo ben organizzato, armati di tutto punto e forti delle idee più vergognose che l’umanità ha saputo produrre nell’arco della sua inutile esistenza.

Addirittura avevano scritto sui caricatori delle loro armi i nomi di quelli che costoro considerano “martiri” tra cui l’infinitamente idiota Traini, il mentecatto che sparò a degli immigrati a Macerata il 3 Febbraio 2018.
Forti delle loro febbrili elucubrazioni hanno anche scritto un manifesto di circa 80 pagine in cui si inneggia alla difesa della razza ed allo sterminio dei diversi e degli immigrati, rei di aver messo piede nella sacre terre dell’uomo bianco (ma i Maori, popolo autoctono di quelle terre, a me sono sempre sembrati piuttosto scuri).
Tutta questa preparazione militarmente e rigidamente organizzata e pianificata ha prodotto ben 49 morti, tutta gente innocente, donne, bambini e uomini che si sono trovati nel posto sbagliato al momento sbagliato.
Il terrorismo 2.0 messo in pratica da costoro ricalca a pieno quello dei colleghi mediorientali, diretta Facebook live con colori ultravivaci di cervelli e sangue che schizzano sulle pareti, proiettili che sfondano casse toraciche e scavano buchi sui mobili, sangue grondante da corpi senza vita, ed oltretutto senza pubblicità.
La storia finisce qui, non c’è un granché da aggiungere se non il suggerimento rivolto ai governanti di eliminare questa feccia idiota sul nascere ed eventualmente abolire ideali desueti e retrogradi come patria e dei, che ne hanno ammazzati più della peste ed evidentemente continuano a farlo.

I media nazionali si scagliano quindi sulla campagna d’odio del ministro de noaltri, cattivo salveeeneee, cattivoooo.
Noi ingrati siamo ben contenti di attaccare Salvini ed i salviniani, attribuirgli connotati negativi per noi è una festa, quando cadrà, poiché cadrà, noi apriremo champagne e mangeremo ostriche alla faccia sua.
Ma oggi non possiamo essere d’accordo coi i media, non è Salvini infatti ad inventare le idee populiste e gentiste, egli se ne fa’ solo portavoce, esprime quello che la nostra idiota maggioranza pensa e crede, tutta gentaglia che non dovrebbe neanche votare e purtroppo invece parla e si esprime.
Salvini è un furbone che si accaparra voti ripetendo le idee delle masse gentiste, i suoi post su Facebook non possono che farci provare quasi una forma di distaccata compassione verso questo individuo che ormai si trova sul baratro di una voragine in cui inevitabilmente cadrà ed in cui, speriamo cadranno anche tutti i suoi sostenitori.

Christian Longatti