SALVINI SI DIMETTE!!!! ED ABBANDONA L’ITALIA

in evidenza, Notizie, Personaggi

Da qualche ora non si sa più niente del ministro degli interni, grande preoccupazione dei vertici della lega e della nazione tutta.

Ci giunge dalle stanze segrete del carroccio la notizia riservatissima che Il Ministro Salvini ha trasmesso ufficialmente al presidente della repubblica Mattarella le sue dimissioni da ministro.

Contestualmente ha inviato ufficiale comunicazione a Giorgetti, eminenza oscura della lega.

Le motivazioni di questo gesto sono da attribuirsi a quanto pare al nuovo amore di Matteo, la bella Verdini Francesca che è stata a quanto pare in grado di fare quello che nessuno avrebbe mai pensato possibile, calmierare l’odio che il ministro prova verso tutto il creato riempiendo il suo cuore di quel tenero amore che solo una avvenente giovane può offrire.

L’innamorato, pare aver perso la testa, e questo week end d’amore si è trasformato in una vera fuga romantica.

L’irreperibilità del ministro non è in realtà il vero problema, egli infatti preferisce passare il tempo sui social piuttosto che nelle stanze della politica, ma il problema vero e tangibile è la sua assenza dalle dirette Facebook che per adesso è stata tamponata con un sosia, facilmente riconoscibile poiché non ha il doppio mento e si nutre con una morigeratezza inusuale per il vero Salvini.

Tutte queste manovre accadono mentre il vero ministro, pare utilizzando un volo di rimpatrio degli immigrati per risparmiare, si sta recando in Nuova Zelanda una località a lui piuttosto congeniale, agli antipodi del BelPaese, per rifarsi una vita con la bella Francesca.

Come i più astuti tra voi avranno compreso questo è purtroppo un pesce d’aprile.
Chi ha avuto il buon senso di leggere l’articolo se ne sarà accorto.
Il ministro è ancora tra noi, in Italia.
Nella speranza che questo nostro sogno diventi realtà, portando salvini il più possibile lontano dall’Italia e dalle stanze del potere dell’Europa, stringiamo i denti e malgrado tutto andiamo avanti da buoni Ingrati.

Christian Longatti
Andrea Gunetti