QUANDO L’INGRATITUDINE SI TRASFORMA IN BESTEMMIA 

Esistono tanti tipi di ingratitudine, questo la redazione de L’Ingrato lo sa bene.
Esiste l’ingratitudine verso tutto ciò che è falso, borghese, superficiale, la nostra.
Esiste poi l’ingratitudine verso un dono, verso tutto ciò che comporta uno sforzo intellettuale evidentemente troppo umile per rimanere in silenzio quando l’argomento trattato non rientra nelle competenze di una certa categoria di persone. 

Leggi il seguito

TRUMP, JOHNSON ED IL MESSAGGIO PEDAGOGICO DEL CORONAVIRUS. UN’OCCASIONE DA COGLIERE.

Eliminiamo l’”Altro”, che può essere un fattore di impedimento al nostro procedere senza dover rispondere di niente e a nessuno.
Alziamo muri, si può fare a meno di chi ci mette di fronte e a contatto con l’”altrove” che non vogliamo vedere, the dark side of the moon. 
Quale futuro per le nuove generazioni se le leadership non accolgono, danno attenzione, ascoltano la realtà che li circonda?.
Show, don’t tell. Si educa mostrando, non raccontando. 

Leggi il seguito

DSA – BULLISMO: EMOZIONI CHE (NON) PARLANO.

Nell’ultimo decennio si assiste in Italia sovente a scene raccapriccianti di bullismo: un cancro che infligge una ferita socio-psicologica sin dalla tenera età. Le categorie più colpite sono figli di immigrati, bambini con DSA o problemi fisici, bambini con genitori arcobaleno e l’elenco può continuare all’infinito. 
Abbiamo voluto saperne di più. L’Ingrato ha intervistato a tal proposito la Dott.ssa Emanuela Amato, Psicologa specializzata in Neuropsicologia Clinica dell’età evolutiva, adulta e senile.

Leggi il seguito

L’INVOLUZIONE DELLA SOTTOSPECIE

Noi Ingrati la mattina, appena svegli bestemmiamo contro salvini, poi imprechiamo contro di maio e grillo, sfanculiamo toninelli e sputiamo sul governo tutto, ma tutto ciò non basta.
Non basta a restituire all’Italia qual onore perduto, quel senso di appartenenza ad una Europa, sogno di alti pensatori realizzata sul sangue di martiri ed innocenti idealisti.

Leggi il seguito

IL CUORE FREDDO DEI SALVINIANI

come i bambini morti che vengono descritti dagli stessi malnati ignoranti come bambolotti di un’ipotetico set cinematografico.
Purtroppo l’empatia e la compassione hanno abbandonato i lidi di questa Italia salviniana, alcuni preferiscono ipotetiche idee di complotto invece di una una più banale e triste verità.

Leggi il seguito
Translate »