31 OTTOBRE: IL GIORNO DE LI MORTACCI VOSTRI

Prendete le zucche, gli scheletri, i vampiri e gli zombie che in questi giorni stanno invadendo negozi, palinsesti televisivi e gettateli nel cesso. L’Halloween che ci hanno voluto appiccicare addosso come una virulente ricorrenza non ci appartiene. O meglio, non questa versione meramente venale.

IL DELICATO EQUILIBRIO TRA LA MORTE, IL SESSO E DIO

Quando le divinità abbandonarono la Terra chi deteneva il potere per loro conto ha ben compreso che l’unico modo per continuare a vivere la loro esistenza privilegiata era quello di stravolgere la logica politica fino ad allora vigente in qualcosa di più subdolo e meschino. Ciò portò alla creazione delle religioni, le quali non sono altro che pericolosi sistemi di controllo di massa.

BRUTTO FIGLIO DI NO VAX!

Non c’è peggior sordo di chi non vuol sentire. Questo detto pare essere stato cucito addosso a quella parte della popolazione che non comprende il rischio di esporre i propri figli (e quegli degli altri) a rischi di malattie che fino a qualche anno fa erano state debellate. Non c’è quindi molto da stupirsi se si sentono notizie che vogliono il ritorno di casi di morbillo, meningite e altre malattie infettive.

NON SPARATE A SALVE, SPARATE A SALVINI

Una cosa però va’ detta, l’autore della frase:”NON SPARATE A SALVE, SPARATE A SALVINI” ha quantomeno dimostrato un’ironia che non può che essere ammirata.

C’E’ ANCORA SPAZIO PER LA POESIA?

Che tipo di valore possiamo dare alle emozioni oggi? In tempi in cui la tecnologia ha ampiamente superato ogni possibile concetto umanamente immaginabile, entrando di preopotenza all’interno della nostra quotidianità questa è una domanda dannamaente attuale alla quale però pare sia difficile dare una risposta vagamente esaustiva.

LO SLOGANISMO SALVINIANO ACCOGLIE ED ALIMENTA LA TRASVERSALITA’ DELL’IGNORANZA

Noi Ingrati ci assumiamo il doveroso compito dell’analisi delle azioni salviniane e l’idea di chiudere i porti ci sembra un palliativo del tutto inutile.
Poiché per risolvere il problema dell’immigrazione incontrollata servirebbe un piano ben definito e condiviso con i partner europei.

I GRILLINI CHIOGGIOTTI ODIANO I CANI ED I LORO PADRONI

Una notizia inquietante ci giunge da Chioggia, una nostra lettrice, impegnata in questi mesi nella realizzazione di un parco dedicato ai nostri amici a quattro zampe ha ricevuto dall’amministrazione il definitivo NO che di fatto rende inutili tutto il lavoro di dialogo intrapreso in questi mesi.
Noi ingrati abbiamo già capito che si tratta del solito sporco affare di connivenze e favori tipiche delle amministrazioni composte da grulli incapaci che noi cittadini dovremmo avere il coraggio di scrollarci di dosso.
Abbiamo già parlato di questo argomento, Laura Doria era stata vittima di minacce e di diffamazione da parte di qualche cittadino ignorante che aveva affisso cartelli denigratori nei suoi confronti ed in cui minacciava di avvelenare i cani che si sarebbero recati in futuro nell’area a loro dedicata.

L’IGNORANZA CI SALVERA’

Esistono esempi di fulgida positività, progresso, giustizia.
Questi sono i 25 aprile che vogliamo ricordare.
Oggi iniziarono nel 1859 i lavori per la costruzione del canale di Suez, unì il mondo come mail prima e consentì alle genti di fondersi e conoscersi.
1945 quando gli eserciti americano e sovietico si ricongiunsero sul fiume Elba in Germania, passaggio fondamentale della seconda guerra mondiale.

LA CURIOSITA’ NON VA PIU’ DI MODA (L’ESERCITO DEI BRUCIATI)

Vi siete mai soffermati a pensare come mai quelli che, fino a poco tempo fa, erano considerati dei punti di riferimento delle nostre esistenze sono diventati oramai dei concetti citati con malcelata nostalgia? Le motivazioni da portare sul banco degli imputati come prove a questo processo delle intenzioni possono essere tante e assai disparate. Prima fra tutte quella che viene usata maggiormente come alibi che permette ai più di lavarsi la coscienza. Quella frase sentita ed usata talmente tante volte da non essere più originale.

ANALFABETI CHIOGGIOTTI MINACCIANO LAURA DORIA

Di questa gentaglia è pieno il mondo ma a quanto pare a Chioggia, un comune italiano di 49 525 abitanti della città metropolitana di Venezia in Veneto ve ne sono taluni particolarmente feroci e volgari come solo un vero ignorante può essere.
Nel loro aberrante desiderio di nichilizzare e distruggere sono arrivati ad attaccare pubblicamente l’operato di una cittadina che sta difficoltosamente lottando per realizzare un giardino per i nostri amici a quattro zampe, affinché siano al sicuro dai pericoli della città e possano correre e giocare, ed anche espletare i loro bisogni in un luogo specificatamente progettato.